Ringraziamento

febbraio 2, 2009

Vorremmo, tramite Il Tirreno, ringraziare pubblicamente coloro che, di fronte alle volgari offese del signor Tamburini, hanno espresso la loro solidarietà ai nostri dirigenti, particolarmente a Garibaldo Benifei e, soprattutto, alle nostre associazioni ed ai valori che siamo impegnati a difendere ed a far vivere trai cittadini ed in modo principale tra le nuove generazioni.

Col nostro comunicato del 5 gennaio abbiamo voluto rendere pubblica la nostra posizione di fronte all’avvio della discussione in parlamento di una proposta di legge che parifica i combattenti per la libertà ai repubblichini. Siamo contrari a questa proposta e la contrasteremo con tutti gli strumenti che la nostra democrazia ci mette a disposizione.

Che Tamburini abbia reso note le sue posizioni accompagnandole da offese volgari e da gratuite falsità non ci meraviglia più di tanto. A questo Garibaldo Benifei, durante il regime fascista, era abituato e a questo si ribellò. Costretto fin da bambino a subire le conseguenze delle persecuzioni del regime e da adulto ad essere condotto nel 1933 e nel 1939 davanti al tribunale speciale fascista e condannato a 8 anni. Solo la caduta di Mussolini, nel luglio del 1943 gli restituì la libertà, consentendogli di non scontare gli ultimi tre anni di carcere.

Ecco, la ragione della nostra opposizione alla legge in discussione sta proprio nella nostra volontà di non far dimenticare tutto quello che ha significato il regime fascista in termini di privazione della libertà, di persecuzione degli oppositori, di sofferenze patite con la guerra, di complicità con le stragi naziste. Falsificare la storia e anche le singole storie personali, non aiuta a costruire per tutti i cittadini del nostro paese una memoria condivisa che, secondo le nostre associazioni, non può che riconoscersi nei valori che le diverse culture animatrici della Resistenza, trasmisero nella Costituzione della nostra Repubblica.

Anpi Livorno, Anppia Livorno

Nota pubblicata sul Tirreno del 1 febbraio 2009


L’Anppia riunisce l’assemblea

gennaio 16, 2009

Articolo del Tirreno del 16.01.2008


No alla legge 1360, no all’equiparazione di partigiani e repubblichini

gennaio 10, 2009

partigiani_milano

Articolo del Tirreno del 7 gennaio 2008 «Guai paragonarci ai criminali di Salò»

La foto: partigiani a Milano dopo la liberazione. Da www.wikipedia.org


Pilo Albertelli

dicembre 16, 2008

albertelli_01 albertelli_02
Clicca sulle immagini per ingrandirle.

Ricordare un uomo, la sua passione per gli studi, il suo insegnamento e, soprattutto, la sua lotta per gli ideali di libertà e giustizia e il suo personale sacrificio in nome di questi valori.

Con tale intento la Sezione Provinciale di Livorno dell’ANPPIA ha promosso e organizzato, lo scorso 28 novembre, una giornata in memoria di Pilo Albertelli, caduto alle Fosse Ardeatine nel marzo del 1944, studioso di origine parmense, docente di filosofia al Liceo Classico livornese dal 1932 al 1935, tra i fondatori del Partito d’Azione e medaglia d’oro per la Resistenza al nazi-fascismo.

L’iniziativa (che è stata patrocinata dal Comune e dalla Provincia di Livorno con ANPI e ANEI, ed ha avuto il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Livorno e dell’Unicoop il Tirreno) è culminata in un incontro di approfondimento sulla figura di Albertelli tenutosi nell’Aula magna del Liceo Classico dopo le cerimonie di scoprimento di due lapidi commemorative, l’una presso scuola elementare intitolata a Pilo Albertelli, l’altra presso lo stesso Liceo.

Leggi il seguito di questo post »


Livorno ricorda Pilo Albertelli

novembre 19, 2008

pilo_albertelli_picLivorno, 28 Novembre 2008

A sessantacinque anni dalla fine del fascismo e deglli eventi che diedero origine alla Resistenza, la conservazione di una memoria viva e non retorica di quel passaggio cruciale, fondamento della libertà e della convivenza democratica del nostro Paese, resta un tema essenziale e attualissimo.
Ricordare oggi la figura di Pilo Albertelli, combattente contro l’oppressione nazista e martire delle Fosse Ardeatine, che visse e insegnò a Livorno dal 1932 al 1935 agli esordi della sua carriera di docente, risponde alla necessità di mantenere l’impegno perchè l’eredità e il significato della Resistenza, attraverso l’esempio di coloro che ne furono strenui protagonisti, permanga nel tempo come patrimonio di valori condivisi anche per le nuove generazioni.

Alessandro Cosimi
Sidaco di Livorno

Giorgio Kutufà
Presidente della Provincia di Livorno

Clicca qui per scaricare l’invito e il programma della manifestazione (PDF)

ANPPIAANEIANPI


No all’apartheid fra i banchi, l’altolà di sindacati e volontariato

ottobre 22, 2008

Rassegna stampa

no_apartheidLIVORNO. «Impariamo dai bambini»: comincia così il documento firmato da una vasta galassia di sigle di sindacato e associazioni per contestare la mozione leghista che, approvata alla Camera, punta a introdurre classi a parte per i bambini immigrati che non superino i test d’ammissione al nostro sistema scolastico.

A sottoscrivere l’appello sono la Cgil, la Cisl, la Uil, le Acli, i partigiani Anpi, gli ex internati Anei e gli antifascisti Anppia, l’Arci Livorno e Cecina, il Coordinamento delle comunità straniere (Livorno) e la Consulta cittadini stranieri (Piombino), associazioni e gruppi come Samarcanda, Africa’s Children, Cesdi, Evelina De Magistris, Shqiperia (Albania).

Leggi il seguito di questo post »


Un anno fa moriva Raugi «Ci resta il suo esempio»

ottobre 12, 2008

Rassegna stampa

Dino Raugi

Dino Raugi

LIVORNO. Prima i fiori al tempio cinerario, poi il ricordo alla sala del commiato del cimitero dei Lupi. Così è stato ricordato Bino Raugi, sindaco della città dal 1965 al ’75, morto un anno fa, nelle parole del presidente dell’Anpi Vittorio Cioni, del presidente dell’Anppia Garibaldo Benifei, degli assessori Piero Santini (al Comune) e Laura Bandini (alla Provincia) e del sindaco Alessandro Cosimi, che ha concluso la cerimonia. Cosimi ha affermato la necessità di recuperare, nella politica di oggi, la tensione morale propria della sua generazione oggi che, «abbiamo assistito a uno scivolamento dell’etica verso il basso».

Leggi il seguito di questo post »